I rilevamenti di Treno Verde ’99 – Asti (28 Gennaio-1 Febbraio)

È il rumore il dato più preoccupante che emerge dai rilevamenti effettuati. Un rumore che si mantiene costantemente al di sopra dei limiti di legge stabiliti dal DCPM 1/3/91. In attesa della classificazione in zone caratterizzate dalle diverse destinazioni d’uso, l’area scelta per il monitoraggio, Piazza Alfieri, è da considerarsi ad intensa attività umana come prescrive la normativa. Ebbene proprio a Piazza Alfieri, zona centralissima della città di Asti, il superamento medio del rumore dei limiti di legge è stato rispettivamente di 10 decibel nel periodo notturno e di 5 deciel nel periodo diurno (la legge impone di non superare i 65 decibel durante il giorno e i 55 decibel di notte).

Per quanto riguarda i dati sull’inquinamento atmosferico, c’è da tirare un sospiro di sollievo, visto che, ad eccezione degli idrocarburi, le altre sostanze monitorate risultano essere sotto i limiti di legge. Rimane il problema benzene che dai monitoraggi effettuati dai volontari di Legambiente risulta essere sopra i 10 µg/m3 stabiliti dal DM del 1994. È bene ricordare che i monitoraggi sono stati effettuati attraverso delle fialette assorbenti portatili, i cosiddetti radielli, brevettati dalla Fondazione Maugeri di Padova che si occupa anche delle analisi dei dati.

Benzene e inquinamento da traffico veicolare, questo il punto su cui si è incentrata l’attenzione durante la tappa astigiana del Treno Verde di Legambiente e FS Spa. Ma quali sono le misure che i sindaci possono adottare per affrontare il problema?

“È vero – ha dichiarato Wanda Bonardo, presidente di Legambiente Piemonteche il decreto ministeriale del 1998 non pone Asti tra le città che debbono munirsi obbligatoriamente di una rete di rilevamento del benzene. Ma lo stesso decreto specifica che la rete va azionata anche in quei comuni dove la quantità di emissioni e le particolari condizioni meteoclimatiche facciano presupporre un superamento dei limiti di legge. Già adesso quindi i sindaci possono adottare misure temporanee di limitazione del traffico qualora la concentrazione di inquinanti atmosferici raggiunga valori di attenzione e di allarme”.

I dati rilevati dall’Istituto Sperimentale delle Ferrovie dello Stato riguardano per l’inquinamento acustico un arco di 72 ore, mentre per l’inquinamento atmosferico, a causa di problemi tecnici, si è coperto un arco di 48 ore.

“Per quanto riguarda il rumore – ha dichiarato Vittorio Valentini, responsabile dell’Istituto Sperimentale delle FS per la campagna Treno Verde – il cui livello ha sempre superato i limiti di legge, va ricordato che il punto monitorato è interessato da un traffico veicolare costante, inoltre Piazza Alfieri è circondata da portici che hanno fatto da cassa di risonanza. Infine la pavimentazione stradale, realizzata in pavé, non aiuta di certo a contenere le emissioni acustiche. I risultati delle analisi condotte sulle sostanze inquinanti invece non ha fatto registrare superamenti dei limiti di legge di riferimento, ad eccezione degli idrocarburi, ma le concentrazioni di quest’ultima sostanza non costituiscono un superamento dello standard di qualità in quanto contemporaneamente le concentrazioni di ozono sono state molto basse, non contribuendo dunque a innescare reazioni di ossidazione fotochimica”.

Inquinamento atmosferico

Inquinanti 28/1/99 29/1/99 Limiti di Legge
Polveri
(media di 24h)
79,3 61,1 attenzione 150
allarme 300
Biossido di Zolfo
(media di 24h)
12,3 15,5 attenzione 125
allarme 250
Biossido di azoto
(concentrazione in un’ora)
71,1 54,1 attenzione 180
allarme 400
Ozono
(concentrazione in un’ora)
15,3 26,3 attenzione 180
allarme 360
Monossido di carbonio
(concentrazione in un’ora)
5,56 5,39 attenzione 15
allarme 30
Idrocarburi
(media di 3 ore)
1165 1066 attenzione 200

Valori espressi in microgrammi per metro cubo, tranne il monossido di carbonio, espresso in milligrammi per metro cubo

Inquinamento acustico

Data Valore diurno (6-22) Valore notturno (22-6)
28/1/99 70,2 64,6
29/1/99 70,2 65,8
30/1/99 69,7 65,2

Valori espressi in decibel, i limiti di legge sono 65 decibel durante il giorno e 55 di notte.



Categorie:News

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: