I rilevamenti di Treno Verde ’99 – Brindisi (16-19 Febbraio)

La pioggia e il forte vento spirato in questi giorni hanno certamente “graziato” l’aria di Brindisi dove le analisi effettuate dal laboratorio mobile dell’Istituto Sperimentale delle FS non hanno rilevato superamenti dei limiti di legge da parte delle sostanze inquinanti quali polveri, biossido di zolfo, biossido d’azoto, ozono, monossido di carbonio. Unica eccezione gli idrocarburi che si sono mantenuti, durante tutte le 72 ore di monitoraggio, al di sopra dei limiti di legge, non costituendo comunque un superamento dello standard di qualità in quanto contemporaneamente le concentrazioni di ozono non hanno fatto registrare superamenti. I dati sull’inquinamento atmosferico fanno certamente tirare un sospiro di sollievo.

Lo stesso purtroppo non si può dire per il rumore che nei tre giorni di monitoraggio rimane, di notte e di giorno, costantemente sopra ai limiti di legge.

“Speriamo che – ha dichiarato Elio Galiano, presidente del circolo Legambiente di Brindisiil grande successo del Treno Verde a Brindisi e la sensibilità e attenzione dimostrata dai cittadini alle tematiche ambientali affrontate a bordo del convoglio ambientalista spingano il Sindaco e l’amministrazione ad occuparsi un po’ più di ambiente. Non è possibile né pensabile che i cittadini di Brindisi debbano aspettare la venuta del Treno Verde ogni tre anni per sapere che aria respirano. E allora è ora, visto che siamo ormai gli ultimi in Italia, che la nostra città si doti di una rete fissa di monitoraggio del rumore e dell’aria”.

“Il laboratorio mobile – ha dichiarato Vittorio Valentini, responsabile dell’Istituto Sperimentale delle Ferrovie dello Statoè stato posizionato in piazza Cairoli che si è rivelata una zona con un traffico regolare e comunque mai caotico né massiccio. Partendo dal rumore si può dire che il livello equivalente continuo, che evidenzia una sostanziale ripetitività ciclica nelle 72 ore prese in esame, si attesta su valori diurni di 70-71 decibel e su valori notturni di circa 65-66 decibel. Per quanto riguarda l’aria e i dati riscontrati, bisogna sottolineare il ruolo avuto dalle condizioni meteo che, con un vento dapprima debole poi crescente e con precipitazioni seppur di scarso rilievo, hanno favorito la dispersione degli inquinanti”.

Inquinamento atmosferico

Inquinanti 16/2/99 17/2/99 18/2/99 Limiti di Legge
Polveri
(media di 24h)
61,8 53,4 21,8 attenzione 150
allarme 300
Biossido di Zolfo
(media di 24h)
14,7 20,1 11,3 attenzione 125
allarme 250
Biossido di azoto
(concentrazione in un’ora)
73,9 78,5 44,5 attenzione 200
allarme 400
Ozono
(concentrazione in un’ora)
52,8 50,2 46,9 attenzione 180
allarme 360
Monossido di carbonio
(concentrazione in un’ora)
9,6 5,63 2,6 attenzione 15
allarme 30
Idrocarburi
(media di 3 ore)
1299 1085 741 attenzione 200

Valori espressi in microgrammi per metro cubo, tranne il monossido di carbonio, espresso in milligrammi per metro cubo

Inquinamento acustico

Data Valore diurno (6-22) Valore notturno (22-6)
16/2/99 70,8 66,5
17/2/99 69,7 66
18/2/99 70 65

Valori espressi in decibel, i limiti di legge sono 65 decibel durante il giorno e 55 di notte.



Categorie:News

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: