Assisi, un altro gioiello trascurato: crollo della torre principale della Rocca

Un altro gioiello d’Italia che cade a pezzi. Il crollo della torre principale della Rocca albornoziana di Assisi ricorda i crolli della Torre Civica di Pavia, della cattedrale di Noto, delle mura medievali di Viterbo, delle cappelle Medicee di Firenze: tutti tesori colpiti dalla scarsa manutenzione e dalle scarse risorse.

“L’Italia – ha dichiarato Ermete Realacci, Presidente Nazionale di Legambientenon è solo come quel signore, come diceva Jack Lang, che sa di avere sotto il suo terreno una miniera di diamanti e ci costruisce sopra campi di patate e capannoni industriali. È peggio. Il nostro Belpaese è un signore che i diamanti li ha e lascia che cadano a pezzi”.

D’altra parte l’Italia destina alla cura del patrimonio artistico appena lo 0,2% del bilancio statale (un millesimo del Pil) contro l’1% della Francia. Il Ministero dei Beni Culturali riceve 3.774 miliardi l’anno con cui deve pagare le spese correnti e gli stipendi, spese che lasciano solo briciole per la manutenzione.

Eppure per difendere i beni culturali nazionali solo dai danni dell’inquinamento bisognerebbe prevedere 1.300 miliardi l’anno. Questo “male culturale” italiano è anche dimostrato da altre cifre: la spesa italiana pro capite per la cultura è di 118.000 lire l’anno, in Francia è di 248.000.



Categorie:News

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: