Mal’aria, smog senza freni: città sotto la cappa, Brescia e Milano già fuorilegge per le polveri sottili nel 2011, seguono Monza e Frosinone

Tira proprio una brutta aria nelle città italiane. Sono passati poco più di 40 giorni dall’inizio dell’anno e già due città, Brescia e Milano, hanno oltrepassato il limite consentito dei 35 giorni di superamento dei livelli di Pm10, considerati dalla normativa la linea estrema per proteggere la salute dei cittadini.Ma le due città lombarde, purtroppo, non sono sole perché sulla soglia del limite, con 35 giorni, ci sono anche Frosinone e Monza, mentre altre 4 città, Lucca, Bergamo, Torino e Mantova con 32, 31, 29 e 28 giorni di superamento si apprestano a essere presto fuorilegge. E con 27 giorni è probabile che scaleranno velocemente la classifica anche Napoli, Lecco, Como e Asti.

A richiamare l’attenzione sul pesante inquinamento atmosferico che affligge le città italiane è Legambiente che, in collaborazione con il portale http://www.lamiaaria.it, ogni anno tiene d’occhio i livelli di polveri sottili nell’aria per sollecitare interventi mirati alla loro riduzione.

“I dati che raccogliamo ogni anno sui livelli di smog delle città – ha dichiarato Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente – ci raccontano, purtroppo, sempre la stessa storia: una situazione cronica e molto preoccupante nelle regioni del Nord Italia che risentono fin dai primi giorni dell’anno della mancanza di interventi efficaci per liberare le strade dalle auto e dunque l’aria dalle polveri sottili”.

Ma lo smog, è un problema annoso per tutto il Paese che possiede il parco auto più grande d’Europa con oltre 60 auto ogni 100 abitanti. E così anche città di media grandezza come Lucca sforano il limite consentito già più di 30 volte solo all’inizio di febbraio.

A un anno esatto dall’emergenza smog dell’area Padana, ricorda Legambiente, i sindaci della provincia di Milano si rincontrano per discutere misure coordinate e affrontare la nuova emergenza. E’ però indispensabile un ruolo di affiancamento dei provvedimenti delle Regioni e dei Comuni da parte del Ministero dell’Ambiente che da troppo tempo promette importanti misure a livello nazionale, che dovrebbero tener conto anche delle condizioni climatiche sfavorevoli e quindi essere maggiori per le città più svantaggiate dal meteo e dalla posizione geografica.

“Sono dodici mesi che si parla e si promette un pacchetto nazionale di misure antismog – ha aggiunto il responsabile scientifico di Legambiente – ma il decreto legge predisposto dal Ministero dell’Ambiente, che doveva essere approvato prima di Natale, ancora giace nel cassetto. Un provvedimento urgente soprattutto per ridurre i rischi sanitari ma pensato anche per abbattere l’inquinamento in misura sufficiente ad evitare la pesante multa europea”.

“E’ chiaro a tutti – prosegue Ciafani – che la cronica emergenza smog dipende da una colpevole mancanza d’investimenti tali da cambiare il modo di spostarsi e di vivere dentro le città. Fino ad ora abbiamo assistito solo a provvedimenti spot ma a nessun atto davvero coraggioso, sia a livello locale che nazionale, per risolvere il problema alla radice. Ovvero contenere la domanda di trasporto individuale motorizzato e incentivare forme di trasporto diverse dall’auto privata”.

http://www.lamiaaria.it è il portale che da più di un anno offre le previsioni della qualità dell’aria per tutti gli 8100 comuni italiani con i consigli su come comportarsi in presenza di inquinamento dell’aria. L’obiettivo de LaMiaAria è far sì che tutti i cittadini siano informati in modo chiaro e comprensibile sulla qualità dell’aria che respiriamo. Lamiaaria.it è uno strumento al servizio delle famiglie, delle mamme dubbiose se portare a spasso i propri bimbi nei parchi e nelle strade delle città, dei cittadini delle grandi aree metropolitane come delle piccole comunità territoriali, delle quali troppo spesso non si parla ma che purtroppo non sempre sono esenti da problemi di inquinamento dell’aria.



Categorie:News

Tag:,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: