Inquinamento area Caffaro – Laguna di Grado e Marano, servono interventi urgenti

grado“La situazione dell’area Caffaro continua ad essere pesantemente sottovalutata. I danni ambientali, causati dalla lunga attività dell’industria chimica a Torviscosa e in tutta la laguna, sono molto gravi. È dunque fondamentale la messa in sicurezza e la bonifica del polo produttivo e delle zone limitrofe contaminate, attraverso interventi utili a contenere e ridurre nel tempo il rischio dell’inquinamento da mercurio presente”, così dichiara Stefano Ciafani vice-presidente di Legambiente, in vista della prossima conferenza dei servizi convocata dal ministero dell’Ambiente per esaminare nuovi progetti di bonifica delle discariche industriali della Caffaro, all’interno del SIN Laguna di Grado e Marano.

La pesante condizione di inquinamento dell’area trova riscontro nel procedimento giudiziario, che ha portato nell’ottobre del 2009 al patteggiamento il gruppo dirigente Caffaro di fronte alle circostanziate accuse della procura di Udine riguardo l’inquinamento del suolo, della falda acquifera, dei sedimenti nei canali. Nel 2010 il ministero dell’Ambiente ha approvato un progetto di bonifica redatto dall’allora Commissario delegato all’emergenza della Laguna di Grado e Marano. L’obiettivo era quello di avviare le operazioni di risanamento del sito in un arco temporale di dieci anni. Ora il Commissario Straordinario Caffaro ha presentato un nuovo progetto, che verrà esaminato nella conferenza dei servizi, ma non è ancora chiaro come il progetto si ponga amministrativamente in relazione a quello già approvato.

“Legambiente – spiega Ciafani – invita a valutare in modo approfondito la congruità di questi progetti con quello generale a suo tempo approvato, poiché ci troviamo di fronte ad una situazione grave. Si tratta infatti di intervenire su circa 200mila metri cubi di rifiuti non stoccati in discariche anche pericolosi, su circa 400mila metri cubi di terreni contaminati, su alcune centinaia di migliaia di metri cubi posti in discariche inadeguate, nonché sui sedimenti depositati nel canale Banduzzi e nella darsena interna all’area industriale”.

A fronte di ciò appaiono fortemente insufficienti progetti che non prevedono alcuna opera di marginamento fisico dell’area discariche, né per le discariche interne né per le aree inquinate da peci benzoiche (rifiuti pericolosi); con ipotesi di nuove discariche non previste dalla pianificazione provinciale. Inoltre non si prevedono interventi relativi alla messa in sicurezza delle casse di colmata lungo il canale Banduzzi.

Infine Legambiente ricorda che le discariche “storiche” del sito Caffaro sono, al momento, oggetto di una procedura di infrazione comunitaria per la violazione dell’art. 14 della Direttiva 1999/31 sulla gestione delle discariche.

Fonte: Legambiente Friuli Venezia Giulia



Categorie:News

Tag:, ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: