Pesca illegale, ciò che succede in mare troppe volte resta in mare

pescaGreenpeace sta lottando duramente da anni contro la pesca illegale, cercando di proteggere gli oceani e assicurare alle future generazioni la disponibilità di pesce e di lavori nella pesca.

Nel corso degli anni, l’associazione ambientalista ha inviato navi negli oceani per monitorare le attività di pesca, assieme a governi come quelli di Palau e Mozambico. In qualche modo, questo lavoro viene oggi riconosciuto con la prima conferenza dell’Interpol sulla pesca illegale in corso a Lione in Francia.

Si stima che una cifra tra 10 e 24 miliardi di dollari di pesce sia catturata illegalmente, troppo spesso questo pesce viene sottratto a paesi in via di sviluppo per finire come cibo a basso prezzo nei paesi ricchi.

La pesca illegale, soprattutto di tonno e squali, sottrae reddito e cibo alle comunità costiere. Il lucroso commercio di tonno incentiva pratiche scorrette per massimizzare i profitti, specialmente quando il sovrasfruttamento della risorsa ittica costringe le flotte di pescherecci a muoversi sempre più lontano per catturare branchi in costante diminuzione.

Greenpeace spera di cambiare tutto questo e in coincidenza con la conferenza dell’Interpol ha redatto un documento con i risultati delle recenti campagne negli oceani Indiano e Pacifico, rinnovando inoltre l’appello ai governi per fermare la pesca illegale, soprattutto:

  • Fermando la pratica del trasferimento in mare del pescato
  • Rafforzando le regolamentazioni esistenti per migliorare il monitoraggio delle flotte pescherecce
  • Obbligando i pescherecci ad utilizzare sistemi di identificazione elettronica
  • Riducendo le flotte di pescherecci.

Greenpeace spera che l’agenzia internazionale di polizia si unisca nella campagna per lasciare alle future generazioni oceani vivi e salutari. La condivisione di informazioni e buone pratiche è un buon punto di partenza, come lo sarebbero la persecuzione di singoli individui e compagnie coinvolte nella pesca illegale.

È necessario l’aiuto di tutti per dimostrare all’industria ittica che gli oceani non sono una nuova Las Vegas, ciò che succede in mare non deve rimanere confinato al mare.

Fonte: Greenpeace



Categorie:News

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: