Tutelare il suolo e favorire la biodiversità per un “Olona da Vivere”

olona1La biodiversità salverà l’Olona. La natura infatti, nonostante il pessimo lavoro dell’uomo, non ha mai smesso di credere in questo corso d’acqua perché lungo il fiume vivono e resistono tante specie di animali e uccelli: dalla faina al tasso, dal picchio rosso maggiore al martin pescatore, dal gheppio al picchio verde, dai pipistrelli alle libellule e ai coleotteri nostrani, l’ecosistema dell’Olona continua a essere decisamente ricco.

Sono elementi che emergono dalla Guida “Olona da Vivere”, realizzata da Legambiente per monitorare e informare sullo stato di salute del fiume e dei suoi affluenti Bozzente e Lura, disponibile presso le sedi dei circoli locali del Cigno Verde.

Un volumetto ricco di informazioni che descrive fauna e flora dell’ambiente fluviale, la storia industriale della Valle, i progetti di tutela e valorizzazione come quello ai Mulini di Gurone. Al centro però ci sono le questioni più importanti per il presente e futuro del fiume: l’inquinamento, il consumo di suolo, le mancanze nel sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue.

La Direttiva Quadro europea sulle Acque impone il raggiungimento di un “buono stato ecologico” entro il 2015. Un limite temporale che si scontra però con la realtà: l’Olona continua infatti a registrare giudizi decisamente negativi: da Varese a Lainate la qualità delle acque non ottiene praticamente mai la sufficienza, collezionando quasi ovunque voti che vanno dallo “scarso” al “cattivo”. Il fiume fa parte del gruppo di corsi d’acqua per i quali è stata richiesta la proroga al 2027 per il raggiungimento dello stato ecologico “buono”, fermo restando che in ogni caso al 2015 dovrà essere raggiunto quello “sufficiente”.

olona2Più della metà dei carichi organici inquinanti, nel tratto tra Castiglione e Rho, deriva da scarichi non depurati: fogne che immettono acque luride direttamente nel fiume e nei suoi affluenti. Questo perché, come segnala Legambiente, mancano ancora i collettamenti ai depuratori o perchè gli scolmatori di piena riversano acque reflue non trattate anche in condizioni di tempo asciutto.

Il 50% dei depuratori sull’Olona presenta anomalie o malfunzionamenti rilevati da Arpa (ben 10 depuratori sui 20 presi in esame per il bacino Olona-Lura-Bozzente). Problema che riguarda anche il depuratore di Varese che ha serie difficoltà nella rimozione dei carichi di azoto ammoniacale, e alcuni degli impianti del medio-basso Olona che risultano non conformi per i carichi organici, per il fosforo e l’azoto.

“La grande opera infrastrutturale di cui tutto il bacino ha bisogno – dichiara Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia – è un nuovo sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue che promuova una gestione integrata, pulita ed efficiente”.

Ormai il 60% del territorio rivierasco è completamente urbanizzato e i vari centri abitati si fondono in un’unica immensa città, grande quasi 12 mila ettari: una gigante “Olonia” con una superficie urbanizzata quasi come quella di Milano ma con una popolazione di circa 240 mila abitanti. Un abitante di “Olonia” consuma quindi 5 volte il suolo di un cittadino milanese, con gravi conseguenze per lo stato di salute del fiume, per la sicurezza idrogeologica e per la sopravvivenza della biodiversità

olona3Prendendo in esame solamente i Comuni della parte centro-nord, da Induno Olona a Fagnano, a spiccare negativamente è proprio quest’ultimo. Dal 1999 al 2007 infatti, secondo i dati del Centro di Ricerca sul Consumo di Suolo, la sua superficie urbanizzata è incrementata del 25,46% Notevoli gli aumenti anche per i Comuni di Lozza (10,75%) e Solbiate Olona (12,64%).

“Restituire dignità ecologica e paesaggistica all’Olona e al suo territorio è una sfida non meno impegnativa di quella del risanamento idrico – dichiara Alberto Minazzi, coordinatore provinciale di LegambientePer farlo è necessario un grande impegno collettivo, ma anche, e soprattutto, la coerenza degli atti urbanistici che devono assumere la priorità della salvaguardia del suolo libero rispetto ad ogni trasformazione. Un appello che ci sentiamo di lanciare ancora con forza, dato che alcuni dei Comuni lungo l’asse dell’Olona sono ancora alle prese con il Piano di Governo del Territorio. A partire da Varese, il cui Piano presenta alcune criticità proprio su questo punto”.

Fonte: Legambiente Varese



Categorie:News

Tag:, , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: