Piani energetici e comunità solari, la parola ai cittadini

fotovoltaico_smallUn incontro pubblico il 23 Aprile ore 20.45 a Bagnacavallo, Sala di Palazzo Vecchio, una serata pubblica con Leonardo Setti (Università di  Bologna), Claudia Castaldini (Legambiente), rappresentanti dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, Federconsumatori e Asppi per discutere dell’applicazione pratica dei piani energetici, costi, benefici e opportunità per i cittadini.

Lo scorso anno l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha varato il piano energetico e i “piani d’azione per l’energia sostenibile” che individuano una serie di obiettivi ambiziosi per il miglioramento del rendimento energetico di abitazioni e siti produttivi, l’adozione di misure per il risparmio energetico e la produzione di energia da fonti rinnovabili.

“Bisogna però passare dalla teoria alla pratica – ha dichiarato Yuri Rambelli, presidente del circolo Legambiente A. Cedernadare cioè ai cittadini la possibilità di capire nel concreto quali interventi è possibile realizzare, quali sono i costi, quali i professionisti seri che si possono prendere carico della realizzazione dei lavori, senza sorprese finali per i cittadini”.

pianienergetici3_smallPer raggiungere gli obiettivi ambizioni dei piani energetici è necessaria una forte mobilitazione e adesione da parte della cittadinanza e delle aziende in quanto molte delle misure necessarie riguardano direttamente le azioni dei singoli più che gli interventi da realizzare su edifici pubblici. L’associazione ha perciò organizzato assieme alla Comunità Solare Locale, Coordinamento per la Pace di Bagnacavallo, Federconsumatori, Asppi e Cia e con il patrocinio dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna e del Comune di Bagnacavallo una serata pubblica a Bagnacavallo, giovedì 23 Aprile alle 20.45 a Palazzo Vecchio, per cominciare a passare dalla teoria alla pratica. Saranno presenti Leonardo Setti (Università di Bologna), Claudia Castaldini (Comitato Scientifico di Legambiente Emilia-Romagna) e rappresentanti dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, Federconsumatori e Asppi.

“In altri centri abitati – ha aggiunto Rambelli – l’adozione di questi piani ha poi portato alla realizzazione di “comunità solari”, gruppi di acquisto e organismi in grado di consigliare e indirizzare i cittadini nelle scelte necessarie. Crediamo che questo sia l’unico modo per passare davvero dalla teoria alla pratica e abbiamo quindi organizzato questa serata per cominciare a ragionare nel concreto di coinvolgimento dei cittadini, partendo dall’esperienza di altri comuni in cui questi progetti sono già partiti da tempo, e di mettere in campo tutte le azioni necessarie a far partire anche nella Bassa Romagna l’applicazione dei piani energetici”.

Fonte: Legambiente A. Cederna



Categorie:News

Tag:, ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: