Sabato e Domenica alla “Sagra delle Alfonsine” Legambiente distribuisce la guida al Canale dei Mulini

L’associazione sarà presente in piazza Gramsci con un punto informativo sulle proprie attività a tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale della “Bassa Romagna”.

Sabato 26 e Domenica 27 Legambiente sarà presente con un punto informativo ad Alfonsine per raccontare ai cittadini la storia del canale dei mulini e le iniziative realizzate in questi mesi per la difesa dell’ambiente e la valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico del territorio: dalla mobilitazione contro l’abbattimento degli alberi lungo il canale alle iniziative sul tema della ricerca ed estrazione di idrocarburi, fino ai temi del trasporto ferroviario, della mobilità sostenibile e della qualità dell’aria.

“Il canale dei mulini rappresenta un elemento caratteristico della pianura romagnola – ha dichiarato Yuri Rambelli, Presidente del circolo Legambiente “A. Cederna” l’obiettivo che vogliamo raggiungere con questa guida è la promozione della conoscenza storico/naturalistica del territorio attraversato dal canale dei mulini, visitando le aree naturalistiche presenti lungo il suo corso e percorrendo gli itinerari segnalati, in modo che questa piccola eredità di un passato nemmeno troppo lontano continui a vivere, ad essere conosciuta, valorizzata e tutelata. Vorremmo perciò che questa pubblicazione rappresentasse un punto di partenza per realizzare, assieme alle Amministrazioni comunali e a tutti i soggetti interessati, iniziative per riscoprire, rilanciare e valorizzare un patrimonio caratteristico attraverso visite guidate ed escursioni”.

Realizzato in epoca medievale per fornire adeguata potenza idraulica alle macine dei mulini cittadini, il canale scorre lungo la pianura per circa 40km collegando numerosi centri abitati. Esaurita da tempo la sua funzione primaria, il corso d’acqua rappresenta un importante, e forse unico, itinerario storico/testimoniale che ricollega un ampio territorio della pianura romagnola e ne disegna buone possibilità di rilancio dell’agricoltura di qualità e sviluppo di nuove attività turistiche.

Lungo il corso d’acqua è possibile riscoprire manufatti di origine medievale (mulini, opere di regimazione idraulica), aree di riequilibrio ecologico e di interesse storico naturalistico (Ponte della Lavandaie, Parco del Loto, Bosco di Fusignano, Riserva Naturale di Alfonsine). Dopo il successo delle escursioni a Lugo lungo il Canale e nel “Bosco di Fusignano”, Legambiente organizzerà nei prossimi mesi una nuova serie di escursioni alla scoperta dei luoghi e delle storie raccontate nella pubblicazione.

Oltre che presso il punto informativo di Legambiente, la guida è inoltre in offerta all’Ufficio Relazioni con il Pubblico dei comuni di Lugo e Fusignano.



Categorie:News

Tag:, , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: