Legambiente distribuisce alle scuole di Alfonsine, Fusignano e Lugo il depliant sul Canale dei Mulini

Educazione ambientale e scoperta del territorio: continuano le iniziative di Legambiente per valorizzare un’eredità storica e naturalistica della Bassa Romagna, dalla chiusa di Tebano al Parco del Delta del Po.

Nelle scorse settimane il circolo Legambiente A. Cederna ha distribuito ai ragazzi degli istituti comprensivi di Alfonsine, Fusignano e Lugo il nuovo dépliant realizzato grazie al contributo di Coop Alleanza 3.0 per raccontare la storia del “Canale dei Mulini”, un’eredità storica ed un percorso turistico naturale che attraversa la “Bassa Romagna”.

“L’itinerario lungo il canale rappresenta un percorso attraverso la storia del paesaggio della “Bassa Romagna” – ha dichiarato Yuri Rambelli, presidente del circolo Legambiente “A. Cederna”dalle colline di Tebano al territorio della centuriazione romana, dalle terre delle bonifiche fino alle porte del Parco del Delta del Po. Molti manufatti sono ancora oggi presenti e visitabili, come il Molino Scodellino a Castel Bolognese, o le opere di regimazione idraulica, ma lungo il corso del canale è possibile trovare aree di interesse naturalistico come il parco del Loto, il Bosco di Fusignano e le aree della Riserva di Alfonsine. In un’epoca in cui è sempre più palpabile la necessità di riscoperta della storia dei territori, anche come chiave di lettura per capire il presente, il canale dei mulini rappresenta un sottile ma tenace filo conduttore della storia della Bassa Romagna”.

Conoscere il territorio, la sua storia e le sue specificità è anche la premessa per la sua tutela e conservazione. Con queste iniziative il circolo Legambiente A. Cederna, accanto alle tradizionali attività per la tutela dell’ambiente, intende quindi valorizzare il patrimonio storico, culturale e naturalistico dei nostri territori.

Negli ultimi mesi sono già state realizzate alcune escursioni gratuite alla scoperta dei luoghi raccontati nella guida al Canale dei Mulini, come ad esempio il Bosco di Fusignano un’area di riequilibrio ecologico che si ricollega alla storia del vecchio bosco dei Marchesi Calcagnini, il Parco del Loto, area di circa 8 ettari dalle caratteristiche semi-naturali dove l’ambiente vegetale si è riappropriato di un’area a ridosso del centro abitato, richiamando anche insetti, anfibi ed uccelli e il Ponte delle Lavandaie a Lugo, così chiamato per via dei gradoni tutt’ora visibili che arrivano fino all’acqua e venivano utilizzati fino agli anni ’50 per lavare i panni e che rappresenta di uno dei punti più belli del canale, ornato su entrambi i lati da una rigogliosa fascia boscata.

L’opuscolo oltre ad essere disponibile presso Legambiente e i punti vendita Coop di Alfonsine, Fusignano e Lugo. Verrà inoltre reso disponibile a tutti i soggetti quali biblioteche e Urp che ne faranno richiesta.

Con la bella stagione sono inoltre in corso di definizione altri appuntamenti con escursioni e visite guidate ai luoghi raccontati nell’opuscolo.



Categorie:News

Tag:, , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: